IRA DIABOLICA

IN FASE DI PUBBLICAZIONE CARTACEA
A PRESTO IL LINK DELL’ANTOLOGIA IN CUI POTRETE TROVARLO
AUTORE – VENTI

  1. Eliselle left a comment on maggio 16, 2005 at 7:21 pm

    Ma… ma…

    AHUAHUHAUHUAHAHUAHU

    oh mitico ‘sto racconto, mi sono fatta due risate di gusto 😀

    Grazie! 😀

  2. Gabriele left a comment on maggio 16, 2005 at 7:31 pm

    Il Lato Oscuro è più forte…a parte gli scherzi mi è piaciuto, diretto come Rambo ma gotico come Blade; non credo, però, che te lo pubblicherebbe l’editrice vaticana…

  3. Sara left a comment on maggio 16, 2005 at 7:36 pm

    la tua vena sadico-sarcastico-bastarda è fantastica!!
    Bellissimo 😀

  4. Anonimo left a comment on maggio 16, 2005 at 7:43 pm

    Bel racconto friend 😉

    Relivar

  5. BoOkMaStEr left a comment on maggio 16, 2005 at 10:06 pm

    Veramente bello e ben scritto! Bravo Venti! :-))))

    Simo

  6. Max left a comment on maggio 23, 2005 at 7:54 am

    Fa sputtanare. Una contradizione: se i demoni sono tanti più degli angeli e lui è solo uno dei tanti, come può avere già sbudellato 2000 e rotti angeli? Postilla: la tua osessione per le legioni infernali e angeliche mi preoccupa (ho letto 4 tuoi racconti in 2 i protagonisti sono angeli e in 2 demoni…)

  7. Venti left a comment on maggio 23, 2005 at 4:02 pm

    Beh, questa e’ una cosa a cui effettivamente non avevo pensato…
    chissa’, magari e’ uno dei primi davanti e gli ultimi dietro non hanno ancora ammazzato nessuno… 😛
    PEr la postilla, non so perche’. Forse perche’ si prestano. Entrambi gli angeli erano piuttosto particolari (sempre supponendo che quello della Notte alle porte dell’Inverno lo fosse…)
    Pero’ si’, sto diventando monotematico, ma ho in mente qualche racconto in variazione, se resco a metterli giu’ ^__^

  8. Max left a comment on maggio 23, 2005 at 5:02 pm

    A proposito: dicevano i Marduk ‘Heaven shall burn… when we are gathered’. Ho sempre saputo che avevano ragione…

  9. Druzya left a comment on maggio 31, 2005 at 5:46 pm

    bellissimo

    l’unica cosa che mi lascia sempre perplesso e’ che prima del 1123 dc l’inferno come punizione eterna non era un dogma.

    e chi moriva da peccatore cosa faceva, trovava un enorme cartello con “LAVORI IN CORSO”?

  10. Anonimo left a comment on maggio 31, 2005 at 7:02 pm

    No, semplicemente rimaneva li’ da solo a rompersi le balle fino al 1123 d.c., data a qui a questo punto e’ riconducibile la caduta del Portatore di Luce.
    No? 😛

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *