IL MARCHIO

IN FASE DI PUBBLICAZIONE CARTACEA
A PRESTO IL LINK DELL’ANTOLOGIA IN CUI POTRETE TROVARLO
AUTORE – ELISELLE

  1. Gabriele left a comment on maggio 4, 2005 at 7:28 pm

    Bello. Direi che una bella lezione se la meritava! Era proprio una rompi palle!

  2. Gabriele left a comment on maggio 5, 2005 at 6:51 pm

    Alzi la mano chi non ha sperato in un vero marchio a fuoco finale…magari con le iniziali RP (rompiballe!)

  3. Eliselle left a comment on maggio 5, 2005 at 10:28 pm

    Volevo solleticare gli istinti virili.. ci sono riuscita? :DDD

  4. Gabriele left a comment on maggio 6, 2005 at 4:17 pm

    Molto sensuale come racconto anche se l’idea del marchio a fuoco in quella zona del corpo credo stuzzichi una parte degli istinti virili che non sarebbe accettata di buon grado in un salotto bene…

  5. Druzya left a comment on maggio 10, 2005 at 10:56 pm

    Bel racconto, diretto.

    Mi chiedo solo quanti ragazzi si sarebbero effettivamente fermati…

    =^.^=

  6. Anonimo left a comment on novembre 15, 2005 at 9:13 pm

    Il marchio.
    Sinossi: Una ragazza piagnucolosa, che guarda troppo la tv e frequenta cattive compagnie, vuole a tutti costi farsi marchiare il culo dal suo uomo.
    Il suo uomo l’accontenta come meglio può ma siccome lei non è mai soddisfatta gli girano i coglioni e decide di fingere di marchiarle il culo a fuoco come da lei richiesto. Infatti, come tutti in Padania, il buon uomo possiede una casa di campagna e un marchio di famiglia. Legata, imbavagliata e col culo all’aria, lei si caga sotto e ritorna all’ubbidienza più completa.
    Morale: Se avete una donna lagnosa non abbiate paura, vuole essere solo picchiata
    Morale n.2: Non è sempre necessario marchiare la propria vacca per riconoscerla.
    Marale n.3. Passi che si marchi un brutto culo cellulittico, ma un bel culo candido, questo no!
    Note. Il film ha vinto il Denim Donatello, per l’uomo che non deve chiedere mai, e per la donna che quando chiede, chiede solo stronzate.
    Sorprende la deriva maschilistica della scrittrice modenese.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *